Che cos’è la gastronomia?

  • di

Che cos’è la gastronomia? Lo studio della cultura e del cibo di una località è strettamente legato alla gastronomia, soprattutto quando si tratta di cibo gourmet. L’idea di mettere in relazione il cibo con la scienza, le arti e la società esiste da molto tempo.

La vera gastronomia è un’arte multidisciplinare molto esigente che spesso esamina il cibo nel suo contesto, storia, freschezza e presentazione.

Uno dei principi della gastronomia è dimostrare che il cibo, oltre ad essere una scienza, è un’arte. Dal momento che comprende come i sensi contribuiscono a un’esperienza.

Ad esempio, un buongustaio comprende perfettamente cosa succede quando un consumatore afferma che non gli piace o non gradisce un determinato alimento.

Allo stesso modo, la gastronomia esamina ciò che implica l’aspetto sociologico del cibo, insieme all’integrazione di altre discipline delle scienze sociali come la psicologia, la filosofia e l’antropologia.

Nelle belle arti viene spesso esaminato anche il ruolo del cibo, sia esso per le arti performative, la scultura, la pittura come parte di uno sguardo da vicino alla funzione del cibo nella società in generale.

Gastronomia molecolare

Questo tipo di gastronomia è una branca della scienza dell’alimentazione che si basa sui processi chimici e fisici che si creano durante la cottura.

Queste interazioni e processi vengono manipolati ed esplorati con l’obiettivo di produrre risultati artistici, gustosi e funzionali. Queste tecniche di gastronomia molecolare vengono solitamente praticate attraverso esperimenti casalinghi, così come in alcuni ristoranti.

Come funziona la gastronomia molecolare?

Questa gastronomia funziona grazie alle interazioni di diversi ingredienti che riescono a provocare effetti diversi. Ogni ricetta conterrà meccanismi biologici, chimici e fisici sottostanti che renderanno un piatto come lo desideri davvero.

Un esempio comune è: un soufflé gonfiato invece di trasformarsi in una frittella a causa delle proteine ​​che compongono gli albumi. Quando questi albumi vengono sbattuti, si formano delle piccole bolle d’aria, che riscaldate si espandono.

La combinazione del calore e della solidificazione delle proteine ​​dell’uovo, così come delle bolle d’aria, è ciò che provoca uno sbuffo.

Cos'è la gastronomia, significato, concetto, definizione
  • Save
Cos’è la gastronomia, significato, concetto, definizione

Gastronomia sostenibile

A volte l’arte del cibo si chiama gastronomia. Si riferisce anche a uno stile di cucina di una particolare località.

Per quanto riguarda la sostenibilità, è l’idea che la pesca, l’agricoltura o la preparazione del cibo siano svolte in modo da non sprecare risorse naturali e possano continuare in futuro, senza danneggiare l’ambiente e la salute delle persone.

Per questo la gastronomia sostenibile è sinonimo di una cucina che tenga conto del processo che il cibo attraversa (origine, coltivazione, il suo processo fino a raggiungere i mercati o gli stabilimenti e, infine, anche i piatti).

È importante notare che l’ONU ha dichiarato tutto il 18 giugno Giornata della gastronomia sostenibile. È stato per il 2016 che l’Assemblea Generale di questa organizzazione ha preso questa decisione per l’osservanza internazionale.

Lo scopo di questa denominazione è che molte più industrie gastronomiche e persino persone inizino a celebrare gli ingredienti, oltre a che i produttori stagionali, lavorano per preservare le tradizioni culinarie e si preoccupano della conservazione dell’ambiente.

Entità come l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura e l’UNESCO stanno facilitando congiuntamente questo progetto di sostenibilità.

Alcune iniziative oggi includono massicci movimenti verso la consapevolezza pubblica, la diversificazione delle colture, l’energia pulita, ove possibile.

L’importanza della gastronomia sostenibile

Tra le caratteristiche più importanti della gastronomia sostenibile c’è il fatto che si distingue ogni cultura, che ha un ruolo di primo piano come un facilitatore cruciale della crescita economica, del cambiamento sociale e dello sviluppo sostenibile.

Come individuo puoi essere molto più interessato alla qualità, alla produzione, all’approvvigionamento e all’acquisto del cibo. La sostenibilità alimentare inizia dal seme che si diffonde attraverso tutti gli anelli coinvolti nel settore, fino a raggiungere l’utente finale.

Come consumatore, puoi ordinare cibo locale che può essere tracciato e ridurre il più possibile gli sprechi alimentari.

Alcuni fatti mostrano che un terzo del cibo prodotto nel mondo viene sprecato e più di 800 milioni di persone nel mondo vanno a letto senza mangiare nulla. Questa situazione di crisi sanitaria globale dovrebbe aumentare ogni giorno.

Gastronomia popolare

La gastronomia popolare è intesa come la cucina che le persone abitualmente preparano, quella che si cucina nelle case. In altre parole, la cucina tradizionale, pur trattandosi di un altro argomento, è quel tipo di gastronomia che si basa su un insieme di ricette agglomerate negli anni e nei secoli della cucina popolare.

Gastronomia messicana

La gastronomia messicana è conosciuta in tutto il mondo, come molti palati hanno sperimentato e deliziato con i suoi meravigliosi piatti. Non è solo il sapore e il colore delle erbe e delle spezie a dare il tocco finale al cibo messicano, ma anche il modo in cui vengono preparati i succulenti piatti per renderli degni della cucina messicana.

Storia della gastronomia messicana

Le origini di questi alimenti risalgono ai tempi preispanici, dove l’ingrediente principale da utilizzare era mais, nopales, cacao, avocado, pomodori, fagioli, peperoncino, tra molti altri.

D’altra parte, l’arrivo degli spagnoli provocò un meticciato nella gastronomia di questo paese, a causa dell’introduzione di nuovi ingredienti come zuccheri, frutta, spezie, cereali che a poco a poco andavano ad arricchire i piatti che oggi si conoscono.

Grazie a questa fusione sono nati i piatti che sono attualmente i protagonisti in Messico e sono di grande fama e fama mondiale nella gastronomia messicana, dove mole, peperoncini en nogada, tacos, carnitas, cochinita pibil, tra gli altri.

Piatti tipici messicani

Molti dei piatti tipici di questo paese sono stati dichiarati Patrimonio Immateriale dell’Umanità, grazie alla sua grande varietà di sapori, di seguito, mostreremo un elenco di piatti che oggi rendono orgoglioso il popolo messicano.

Mole: questo piatto è considerato uno dei più esotici del paese, è una creazione Puebla, la caratteristica principale di questo alimento è che ha vari tipi di peperoncino, semi, spezie, queste ultime vengono macinate in mortai di pietra.

Questa preparazione completa un piatto che include la carne, la talpa è una salsa che lo accompagna. Questa salsa è riconosciuta in tutto il mondo grazie ai suoi ingredienti e alla preparazione spettacolari, che ne fanno una tradizione ammirevole. Per dare un tocco di dolcezza a questa preparazione, un po’ di cacao è l’ideale.

Pozole: è un piatto succulento a base di brodo. È stato creato per la prima volta a Cuernavaca, con un ingrediente principale come il mais e viene aggiunto un tipo di carne che accompagnerà il brodo, a seconda della regione in cui viene preparato, può essere manzo, pollo o maiale.

La preparazione di questo piatto consiste nel cuocere il cacahuacintle (mais a chicco grosso), poi si aggiunge la carne, oltre a ricchi condimenti che lo completano e gli danno quel tocco delizioso come: lattuga, ravanello, avocado e peperoncino che non possono mancare.

Enchiladas: in qualsiasi parte del pianeta, le enchiladas sono un piatto famoso che ha fatto il giro del mondo. Viene da San Luis de Potosí ed è fatto con le famose tortillas di mais, ripiene di pollo, manzo, maiale e formaggio.

Si aggiunge anche una salsa a base di diversi tipi di peperoncino che incorpora fagioli e crema di formaggio, che si accompagna anche con avocado, lattuga o cipolla.

I tipi di enchiladas sono diversi e molto vari e tutto dipenderà dal tipo di salsa che vi si mette sopra, ma il sapore è decisamente fantastico.

Chiles en nogada: questo piatto squisito proviene da Puebla, le suore agostiniane del Convento di Santa Mónica sono state le creatrici di questo piatto per celebrare l’indipendenza del Messico.

Questo delizioso piatto ha colori vivaci nella sua presentazione, che lo rendono un alimento fondamentale di questo paese. Consiste in un peperoncino poblano ripieno di carne di maiale o di manzo accompagnato da frutta, mentre è ricoperto da una salsa di noci. Al momento di servire, viene decorato con melograno e prezzemolo, che rappresentano la bandiera messicana.

In breve, il Messico è orgoglioso delle sue radici gastronomiche che ha ereditato dai suoi antenati. Con questi piatti ogni palato si arricchisce dei sapori di questo bel paese e senza dubbio è così che il mondo sa che è il Messico.

Gastronomia venezuelana

Un’altra ottima gastronomia molto apprezzata è quella venezuelana, lì si mescola un insieme di cibi dove il sapore e la ricchezza deliziano i palati di tutte quelle persone che lo provano.

Le pratiche con i diversi cibi esistenti in Venezuela, riescono a rivelare le caratteristiche di ogni zona, luogo o regione e costituiscono valori, costumi, usi e tradizioni dei popoli.

Tutti questi aspetti contribuiscono alla conservazione dell’identità di ogni città e paese, oltre a ridurre al minimo la cultura standardizzata.

La gastronomia tipica del Venezuela comprende banane fritte, riso e carne, solitamente sostituiti da frutti di mare e pesce nella parte orientale del paese.

L’essenza di questo alimento si trova nei cereali (fagioli, lenticchie, mais); in tuberi come la yucca o la patata, così come piantaggine e stufati di carne.

Piatti tipici della gastronomia venezuelana

Arepas: si tratta di pane per i venezuelani. Le arepas sono di mais e possono essere farcite con qualsiasi tipo di carne, che sia pollo, manzo, maiale, anche con uova strapazzate, prosciutto, formaggio, polpo, frutti di mare, c’è una grande varietà per tutti i gusti.

Empanadas: è un alimento tipico della parte orientale del Venezuela, anch’esse sono fatte con farina di mais, ma fritte e con un leggero tocco dolce. Sono ripieni di pesce tritato, carne, pollo, padiglione, prosciutto e formaggio, tra gli altri ripieni.

Padiglione Creolo: considerato il piatto tipico venezuelano per eccellenza e composto da carne sminuzzata, riso bianco, fagioli o fagioli neri e banane fritte.

Cachapas: è una tortilla simile a una frittella di mais dolce spessa due centimetri che può essere mangiata con burro spalmato e con diversi tipi di formaggio, in alcune località del Venezuela è solitamente accompagnata con maiale fritto.

Hallaca: questo piatto tipico è tradizionale nelle festività natalizie, è fatto con una pasta di mais, su foglie di banano, che viene stesa a formare una sottile torta, sopra viene posta una quantità di carni cotte tipo spezzatino che comprendono carne di maiale, manzo e pollo o gallina; insieme a uvetta, olive, capperi, sottaceti e listarelle di cipolla e paprika.

Quindi questo stufato e l’impasto vengono avvolti piegando le foglie come una busta, legati e posti in acqua bollente per un’ora.

Quesillo: questo è un dolce tradizionale a base di uova, latte condensato, latte intero, vaniglia, un tocco di rum e sciroppo di caramello, dove tutti questi ingredienti vengono mescolati e cotti e alla fine si rivela una sorta di prelibatezza cagliata.

La maggior parte di questi piatti è accompagnata con succhi di frutta (mango, arancia, papaya, frutto della passione, melone, limone, ananas o guava). Un’altra bevanda tipica venezuelana è il papelón al limone o il succo di canna al limone.

Un altro alimento immancabile nella gastronomia venezuelana è il cacao, conosciuto in tutto il mondo per il suo grande aroma e sapore. Quello più prodotto in quel paese è il teobroma creolo, ampiamente utilizzato per produrre cioccolato di altissima qualità.

Gastronomia Maya

Questa volta parleremo della gastronomia Maya, che si può gustare in alcune attrazioni turistiche situate nella Riviera Maya. In quasi tutti, il sapore originale Maya è stato adattato ai gusti attuali, sebbene vengano ancora utilizzati gli ingredienti che erano apprezzati nelle loro origini.

Alcuni dei seguenti alimenti sono i principali protagonisti di questi piatti (carne, mais e peperoncino), che sono solitamente i più predominanti nei piatti gastronomici Maya che vengono offerti ai visitatori.

Parte delle carni utilizzate per preparare i pasti provengono da iguane, tartarughe e uccelli. Successivamente furono incorporati animali portati dagli spagnoli, come i maiali.

Quanto agli ortaggi e ai semi, questi provenivano da coltivazioni esistenti nella zona, come peperoncino, mais, cioccolato, mentre il riso fu introdotto dagli spagnoli.

La gastronomia Maya è stata caratterizzata dall’uso di ingredienti autoctoni a differenza di altre regioni del Messico. Il mais è la base principale di molti piatti e con questo ingrediente vengono realizzati quasi tutti gli elementi di questo pasto.

È ampiamente usato nelle tortillas, mescolato con cioccolato e carni. Un menu Maya può essere composto da alcuni antipasti come: Dzotobichay, che è una frittata con semi di zucca e foglie di banana o tamales fusi.

Per quanto riguarda gli antipasti, di solito sono zuppe, come lime dello Yucatan, uova di Motuleño, fiori di zucca, mais, avocado e cocco, tra gli altri.

Ora è il turno della carne, nella gastronomia Maya vengono solitamente utilizzati animali tipici della zona e molti altri animali che vengono allevati nella Riviera Maya, un esempio sono i tacchini, che erano molto consumati quando vivevano nella zona e in alcuni casi addomesticato.

Fondamentali anche i frutti di mare e il pesce, poiché è un luogo costiero e ha sempre avuto una tradizione marinara. La preparazione di piatti a base di frutti di mare e pesce è una tradizione che fa parte della cucina Maya.

I dolci non possono mancare in questa cucina e l’ingrediente fondamentale è il cioccolato, oltre ad una grande varietà di frutti che vengono coltivati ​​nella zona. Elemento fondamentale per l’elaborazione dello Xtabentún è il mais, un delizioso liquore tipico che si beve a fine pasto.

Gastronomia tipica

In gastronomia l’uso di ingredienti alimentari specifici e metodi di preparazione dei cibi sono stati trasmessi di generazione in generazione, questi alimenti sono spesso chiamati tradizionali o tipici.

Questi cibi tipici hanno svolto un ruolo importante nelle tradizioni e nei costumi di diverse regioni e culture per migliaia di anni, compresi i cibi consumati a lungo a livello locale e regionale.

I metodi tipici di preparazione del cibo fanno parte del folklore di una regione o di un paese.

Ecco perché la gastronomia tipica è un alimento realizzato con le caratteristiche che lo distinguono nettamente da altri prodotti simili della stessa categoria in termini di utilizzo di ingredienti tipici o composizione tradizionale, o metodo di lavorazione.

Nel tempo, i cibi tipici sono stati influenzati da vari fattori. Uno è la disponibilità delle materie prime. Pertanto, la gastronomia tipica è influenzata dalle abitudini agricole e dalla posizione.

Un esempio molto particolare è che le regioni a quota più bassa hanno una vegetazione diversa rispetto alle zone a quota più alta; I paesi che non hanno accesso al mare hanno una minore possibilità di pesce e crostacei, rispetto ad altri che hanno una zona costiera.

Gli alimenti tipici sono stati sviluppati da tempo e la maggior parte di essi è inclusa nella dieta sana quotidiana delle persone, mentre altri alimenti non soddisfano le esigenze nutrizionali poiché sono troppo ricchi di grassi o di energia.

Ecco perché oggi molti di questi cibi tipici vengono modificati nella composizione dei nutrienti, per renderli più appropriati per questo secolo.

Ad esempio, la dieta mediterranea, che ha dimostrato di essere di grande beneficio per la salute, può fungere da modello quando si modificano le composizioni meno favorevoli di alcune cucine tipiche, favorendo l’uso di ingredienti locali.

Caratteristiche che si distinguono dalla gastronomia tipica

Gli alimenti con cui vengono solitamente preparati i pasti nella gastronomia tipica sono molto facili da reperire, inoltre sono molto nutrienti e poco costosi. Ma qualcosa con cui si può identificare la gastronomia tipica del resto, è che si basa sulle seguenti caratteristiche:

Cucina di riflessione socioculturale: è la caratteristica più importante della gastronomia tipica. Ciò deriva dai prodotti della terra di una certa area.

In base alle esigenze delle persone, (influenzate dalla zona in cui vivono e dal cibo che hanno, cioè prodotti di stagione).

Le persone hanno sviluppato modi diversi di cucinare lo stesso prodotto, in questo modo nasce il popolare ricettario che identifica luoghi diversi all’interno dello stesso paese o regione.

Queste ricette passeranno di generazione in generazione fino ad arrivare ai giorni nostri.

Cucina di base: la gastronomia tipica è detta cucina semplice, che ha come essenza i prodotti classici e le tecniche di una vita. Il cibo sul fuoco e gli stufati riescono ad estrarre tutti i sapori naturali del cibo.

Venivano cotti a fuoco lento per ore e per questo la gastronomia tipica costituisce una base su cui sorgono altri tipi di cucina, come la cucina d’avanguardia; Come accade in ogni fase della vita, è necessario evolvere e allo stesso modo avviene nella gastronomia tipica.

Utilizzo cucina: in passato i nostri antenati non disponevano di elettrodomestici e tecnologia che attualmente aiuta a mantenere il cibo molto più fresco.

Per questo una delle caratteristiche della gastronomia tipica più rappresentativa è l’utilizzo dei prodotti. Lo stesso prodotto può essere conservato prima di doverlo buttare, con lo stesso cibo si potrebbero preparare più ricette, la fantasia in questo caso è fondamentale per non mangiare sempre la stessa cosa.

Leggi anche: Riso fritto cinese ; Cibo cinese cantonese

Esta entrada también está disponible en: Español (Spagnolo) English (Inglese) Deutsch (Tedesco) Français (Francese) Magyar (Ungherese) Nederlands (Olandese) Italiano Română (Rumeno) Português (Portoghese, Portogallo)

Tag: