La storia di Salomone

  • di
Salomone nella Bibbia, la storia
  • Save

La storia di Salomone. Salomone, noto anche come Jedidiah, era il secondo figlio del re Davide e Betsabea. La sua storia è descritta nel Primo Re e nella Seconda Cronaca; In entrambe le sacre scritture sono riportati i dettagli del terzo e ultimo sovrano della Monarchia Unita, nome che il Regno d’Israele ricevette durante i mandati di Saul, David e Salomone.

Biografia

Il regno di Salomone durò quattro decenni, finché suo padre rimase al potere. Durante questo periodo, il Regno Unito d’Israele abbondava di pace e ricchezza; La saggezza di Salomone, nota ai governanti di tutte le nazioni, ha permesso a Israele di raggiungere il suo punto più alto nella storia.

Nonostante il destino di Salomone fosse quello di essere re, il suo arrivo sul trono non fu facile. Anche Adonia, il quarto figlio di Davide, poté aspirare a questa posizione dopo la morte dei suoi fratelli maggiori Amnon e Absalom.

Per questo motivo, man mano che la vecchiaia di suo padre diventava sempre più evidente, Adonia si convinse che era tempo di reclamare ciò che era per lui consueto. Adonías sapeva che doveva ottenere il sostegno popolare della gente, così iniziò a cercare l’appoggio di persone importanti in quel momento; tra questi Joab (comandante delle forze), il sacerdote Abiatar, principi di corte e servi del re.

Mentre tutti coloro che erano fedeli a Salomone, come il profeta Natan e il sacerdote Zadok, furono esclusi dai piani di Adonia. In quei tempi a causa della concorrenza che esisteva nel governo monarchico, il figlio che aspirava a diventare re poteva uccidere i suoi fratelli per raggiungere il trono; tutti i possibili eredi che mettevano a rischio il suo regno potevano essere uccisi.

Tuttavia, il profeta Nathan apprese delle intenzioni di Adonia in tempo e informò Betsabea, la madre di Salomone.

Betsabea e Natan si allearono e comunicarono al re la situazione che si era verificata con Adonías; Quando lo seppe, ordinò a Salomone il compito di coreggenza, che doveva svolgere fino al momento della sua morte. Fu allora che all’età di 20 anni Salomone fu ufficialmente unto come re e presentato al popolo come tale, venendo meno alle intenzioni di Adonia di prendere il trono contro la volontà di Davide.

Questo usurpatore dovette fuggire sul monte Moriah dopo l’ascensione di Salomone; mentre i suoi seguaci si allontanavano da lui, timorosi del vero Re. Nelle Prime Cronache appare l’assemblea che Davide organizzò all’avvicinarsi del giorno della sua morte.

Alla presenza dei funzionari governativi di ogni tribù e dei comandanti militari, Davide incoronò Salomone per la seconda volta e gli consegnò i piani per il sacro tempio; Affermò che gli erano stati dati come rivelazione divina.

La saggezza di Salomone

La saggezza di Salomone, un tratto ammirato da tutto il suo popolo e che ha segnato la storia di Israele, era un dono di Geova. Già da giovanissimo Salomone era al comando di un’intera popolazione; Una notte Dio gli apparve nei suoi sogni e gli chiese: “Cosa vuoi che ti dia?”

Di fronte alla preoccupazione di non saper governare un popolo, Salomone gli chiese saggezza per poter prendere decisioni corrette durante il suo regno. Dio fu sorpreso che Salomone non chiedesse ricchezze e beni, lunga vita, o la morte dei suoi nemici; voleva invece che la saggezza guidasse il suo popolo. Per questo motivo il Signore decise di benedirlo con grande intelligenza, ma avrebbe anche avuto le ricchezze e la gloria che nessun altro Re nella storia avrebbe raggiunto.

Le due donne

Salomone era un giudice saggio, un fatto che fu dimostrato il giorno in cui due prostitute andarono da lui per chiedere aiuto. Una delle donne gli disse che abitavano nella stessa casa e che erano entrambe incinte; ha partorito e tre giorni dopo il suo compagno.

Sfortunatamente, la seconda donna a partorire una notte ha soffocato il figlio sdraiandosi su di lui; quindi, ha deciso nel cuore della notte di scambiare il bambino morto con l’altra madre mentre dormiva. Il giorno dopo, si rende conto che il bambino tra le sue braccia non era suo figlio e afferma di averlo cambiato, ma l’altra donna protesta che il bambino che vive è suo figlio.

Le donne litigavano a lungo davanti al Re, intanto lui analizzava quello che dicevano entrambe, che era esattamente lo stesso! Così alla fine ordinò che gli fosse portata una spada e subito chiese che il ragazzo fosse tagliato in due metà, ognuna delle quali sarebbe stata assegnata a una donna.

La vera madre del bambino che era ancora in vita fu terrorizzata da questo ordine del Re, così si avvicinò a lui e lo pregò di dare il bambino all’altra donna, purché non morisse. L’altro, invece, acconsentì a far troncare il bambino in modo che nessuno restasse con lui.

Salomone seppe subito chi stava dicendo la verità e ordinò che il bambino non fosse ucciso e dato alla prima donna, era lei la vera madre, il suo amore era così grande che era disposta a dare suo figlio ad un’altra persona per non vedere lui Morire. In realtà Salomone non era in grado di commettere quell’atto violento, ma in base alla sapienza che Dio gli aveva concesso, sapeva che applicando questa strategia la verità sarebbe venuta alla luce.

Ben presto tutto il popolo d’Israele venne a conoscenza della sentenza del Re per giungere alla risoluzione del problema; tutti provavano rispetto ed erano contenti di avere un Re con tanta saggezza divina.

E la Sulamita

Esistono diverse versioni del rapporto che esisteva tra Salomone e una Sulamita, basate sull’interpretazione del Cantico dei Cantici; un libro appartenente all’Antico Testamento scritto da Salomone, che attraverso i versi descrive l’amore che provava per una bella straniera mulatta che si era trasferita nelle sue terre. La storia inizia alle pendici di Efraim, uno dei perimetri dove il re Salomone aveva una vigna.

Queste terre furono affittate ad alcuni viticoltori perché potessero lavorare; la famiglia era composta dalla madre, i suoi due figli e due figlie, tra loro c’era la Sulamita. La Sulamita era una donna dalla pelle scura, bella ma di aspetto trascurato.

Era umile e doveva lavorare molte ore per potersi procurare il cibo a casa; così a lungo al sole ha ulteriormente abbronzato la sua pelle e deteriorato i suoi vestiti, ma la sua bellezza poteva ancora essere vista davanti agli occhi giusti.

Di seguito sono riportate due versioni di come si sono verificati gli eventi. La prima racconta di un giovane di bell’aspetto che venne un giorno alla vigna; Si scopre che quest’uomo era il re Salomone travestito da pastore, interessato alla Sulamita, fingeva di essere qualcun altro per avvicinarsi a lei. Tra parole d’amore, Salomone riuscì a conquistare il cuore della sua amata, promettendo che un giorno l’avrebbe cercata di nuovo.

La seconda versione riferisce che questa Sulamita si prendeva cura della vigna dei suoi genitori, vicino al territorio dove si accampò il re Salomone; Quando la vide, fu colpito dalla sua bellezza e ordinò che fosse portata davanti a lui.

Sfortunatamente per lui, la donna che lo aveva affascinato non accetta il suo invito, sostenendo che il suo cuore appartiene a un pastore. Insiste e cerca di persuadere la bella Sulamita con oro e ricchezze a seguirlo in Israele. Tuttavia, mantenne la sua fedeltà all’umile pastore; infine il Re decide di lasciarla sola affinché possa tornare nelle sue terre e ricongiungersi con la sua amata.

Da un punto di vista cristiano, questa storia racconta dell’amore di Dio per la sua chiesa (i credenti) e dei sentimenti fluttuanti che esistono in questa relazione; Lui le è sempre fedele, ma lei, al contrario, a volte ha voglia di stare con lui e altre volte è insoddisfatta.

Squillo

Questa appartenenza al re Salomone è stata conosciuta con nomi diversi nelle leggende cristiane, ebraiche e islamiste. L’anello di lapislazzuli, l’anello del pescatore, il sigillo di Salomone e l’anello di Aandaleeb sono alcuni dei modi in cui potremmo ottenere questo artefatto nelle sacre scritture.

Il centro dell’anello è scolpito con due triangoli sovrapposti che formano una stella a 6 lati, meglio conosciuta come la Stella di David. E secondo le traduzioni di alcune culture, la parola scritta in mezzo a quella stella è il nome di Dio.

Gli altri simboli che sono incarnati in questo manufatto corrispondono ai quattro elementi della terra, che rappresentano l’armonia universale del pianeta. Inoltre, l’esagramma inscritto in un cerchio è stato interpretato in alcune parti del mondo come la presenza di poteri soprannaturali.

Indipendentemente dal caso, questo anello garantiva a Salomone la protezione e la capacità di far rispettare l’ordine. Essendo una figura geometrica che integra forza e bellezza, in seguito il Sigillo di Salomone fu legato alla scienza, alla metafisica, all’astronomia e all’astrologia; Gli esperti hanno osservato in questa figura la connessione che esiste tra gli elementi del cielo e della terra.

Anche durante lo sviluppo della matematica, Pitagora e i suoi seguaci osservarono il simbolismo cosmico di questa immagine.

E i demoni

L’anello di Lapislazzuli o Sigillo di Salomone, è legato alla storia dei demoni che questo Re dovette affrontare.

Le sacre scritture indicano che durante la costruzione del Tempio, Salomone poté testimoniare che il figlio di uno degli operai stava rubando pietre preziose dal luogo.

Tuttavia, Salomone presumeva che questo tipo di crimine non potesse essere commesso da un normale ladro; pensava che un demone stesse influenzando le azioni di quest’uomo. Allora il Re pregò che Dio potesse aiutarlo e in breve tempo la sua preghiera fu esaudita; il Signore tramite l’Arcangelo Michele gli inviò un anello d’oro con un sigillo inciso in lapislazzuli.

I poteri contenuti in questo anello permetterebbero a Solomon di controllare gli spiriti maligni e tenerli lontani, evocare i jinn e comunicare con animali o fiori. Secondo le indicazioni che l’Arcangelo diede a Salomone, fintanto che indossava l’anello, tutti sulla Terra gli avrebbero obbedito.

Una volta armato dell’anello al dito medio destro, Salomone procedette a evocare il demone che infestava le cripte reali. Immediatamente il demone Oria cadde in ginocchio davanti al Re e Salomone riuscì a bruciargli il sigillo sul collo.

Sono stati contrassegnati anche altri demoni introdotti allo stesso modo, come Onoskelis e Asmodeus.

Tempio

Il profeta Natan aveva già informato Davide che uno dei suoi figli sarebbe stato incaricato di costruire il Tempio di Dio; così per lungo tempo si dedicò alla raccolta dei materiali necessari. Prima della sua morte, Davide diede a Salomone i piani del Tempio e tutte le indicazioni che avrebbe dovuto seguire.

Quando Salomone era al potere da circa quattro anni, decise di iniziare a costruire il Tempio, che impiegò 7 anni per essere completato. Durante tutto questo tempo Salomone si avvalse dei servigi del re Hiram di Tiro. Hiram diede a Salomone il legno di cedro più prezioso del Libano per erigere questo edificio e mise a sua disposizione l’abilità di architetti e artigiani.

Per ricompensare tutto il lavoro e le risorse che Hiram gli offriva, Salomone lo pagò con ventimila cori d’olio ogni anno fino al completamento dell’opera. Ventisette metri di lunghezza, nove di larghezza e tredici e mezzo di altezza erano le misure del Tempio di Dio costruito da Salomone.

Ogni muro era rialzato con pietre scolpite, in modo che non ci fosse rumore di martelli o picconi. Al termine l’edificio è stato rivestito esternamente con travi di cedro, le pareti interne con tavole di cedro e il pavimento con legno di pino.

Inoltre, nella struttura interna di questo Tempio è stata costruita una stanza lunga nove metri, larga nove metri e alta nove metri. Questo annesso ricevette il nome di “Luogo Santissimo”, dove sarebbe stata posta l’arca dell’alleanza del Signore.

Fu solo al settimo mese di quell’anno o “mese etanim”, durante la festa solenne, che l’arca dell’alleanza del Signore fu portata al Santo dei Santi; compito che veniva assegnato ai sacerdoti del luogo.

E la regina di Saba

Si dice che la regina Saba che visitò Salomone provenisse da Sabea, una città dell’Arabia vicino al sud del Mar Rosso. Il motivo della sua visita era di mettere alla prova la saggezza di questo re, di cui tanto si parlava nella sua nazione.

All’arrivo, decise di porre a Salomone le domande che riteneva più difficili, sperando che non sarebbe stato in grado di rispondere a nessuna. Tuttavia, non c’era domanda a cui il Re non rispondesse, rivelando la sua incredibile saggezza.

La regina non tardò ad essere colpita, non solo dall’intelligenza che Salomone possedeva, ma anche dalla quantità di potere e ricchezza di cui era testimone nel suo palazzo, dal posto che occupavano i suoi ufficiali agli abiti che indossavano i suoi servi; Ha fatto sapere al re che le voci che aveva sentito nella sua terra non erano vicine all’incredibile realtà che viveva il popolo di Israele.

In segno del suo rispetto, Saba diede al Re un’enorme quantità di oro, pietre preziose e profumi che aveva portato dal suo villaggio; che ricevette anche da Salomone doni e persone per il suo servizio.

Cosa ci insegna la storia del re Salomone?

Per molti anni Salomone regnò con grande saggezza, non disubbidì agli ordini di Dio e il suo popolo fu molto felice. Ma a un certo punto inizia a sposare donne straniere che adoravano Geova altri dèi stranieri, e Salomone iniziò a seguire le orme delle sue mogli.

Questo atto di tradimento provocò l’ira di Dio, che non decise di togliere il regno per punizione, ma dopo la sua morte il popolo d’Israele sarebbe stato nuovamente diviso. Salomone aveva promesso di regnare secondo la volontà di Dio fino al giorno della sua morte, ma come i suoi predecessori, infranse quella promessa.

Sulla base di ciò possiamo concludere che, nonostante la saggezza e le ricchezze con cui era stato benedetto come nessun altro re, Salomone non era in grado di resistere alle tentazioni che Dio non vedeva bene.

Un popolo rimasto in armonia per tanti anni è stato condannato alla tragedia per la disobbedienza del suo Re. Ancora una volta, la punizione imposta dal Signore non ebbe conseguenze dirette sul peccatore, ma sulle generazioni che da lui provenivano.

Leggi anche: Cos’è la Bibbia? ; La storia di Noè

Esta entrada también está disponible en: Español (Spagnolo) English (Inglese) Deutsch (Tedesco) Français (Francese) Nederlands (Olandese) Italiano Română (Rumeno)