La storia di Noè

  • di
la storia di noè
  • Save

La storia di Noè è di fondamentale importanza nella Bibbia; È un personaggio biblico di grande attualità, conosciuto e venerato in diverse religioni, grazie all’importante missione che gli è stata affidata da Geova Dio. Appartenente alla decima progenie di Adamo, Noè fu l’ultimo patriarca antidiluviano super longevo a creare la vita sulla Terra.

Dove si trova la storia di Noè? In quale libro?

La vita, l’opera e la storia di Noè, è raccontata nel primo libro dell’Antico Testamento della Bibbia cristiana: Genesi. In particolare dal capitolo 6 al 9 di questo libro, il profeta Mosè descrive gli eventi accaduti durante la vita di Noè, inclusa l’importanza del suo soggiorno per popolare ancora una volta la Terra.

L’Arca costruita da Noè e il diluvio universale, è uno degli episodi più noti della Bibbia, ma è conforme anche alle scritture sacre di altre religioni. La Torah; testo che contiene i fondamenti dell’ebraismo e il Corano, il libro dei musulmani, parlano di questo importante evento.

Questa catastrofe o calamità naturale descritta nei testi già citati, è stata considerata molti anni fa come un fatto storico. Tuttavia, gli studi geologici e paleontologici non coincidono con i dati forniti dai difensori di questa teoria.

Quello di cui siamo sicuri è che si tratta di una leggenda che ha trasceso molte generazioni e culture. Per comprenderlo appieno, è necessario studiare molti eventi precedenti al diluvio e l’influenza dei diversi personaggi che hanno creato la vita sulla Terra in quel periodo.

A proposito di Noè

I dati che esistono di Noè prima che Dio lo scegliesse per rinnovare la specie umana, sono scarsi. Nessuna delle fonti che parlano della vita di questo personaggio specifica il luogo della sua nascita, il luogo in cui morì o dove si trovavano le sue spoglie.

Nei testi sacri possiamo solo trovare che Lamech, un discendente di Adamo attraverso Set, era il padre di Noè. Da parte sua, Matusalemme o meglio conosciuto come il patriarca che visse più a lungo sulla Terra, era il padre di Set e nonno di Noè.

Il resto che sappiamo di questo personaggio è che era l’uomo più giusto e onorato di tutta la sua generazione. La Terra a quel tempo, era corrotta e piena di violenza a causa della perversione delle persone. Ciò provocò un’immensa rabbia in Dio, che decise di porre fine a tutte le forme di vita sulla Terra, ma ebbe pietà di Noè e della sua famiglia a causa della loro obbedienza.

Prima del diluvio

Per comprendere la causa dell’ira di Dio, che ha causato la distruzione di tutta l’umanità, dobbiamo indagare un po’ di più su come fosse la vita per gli umani sulla Terra prima del diluvio.

La Bibbia dice che durante questo periodo Satana stava causando molti problemi sulla Terra; Infliggeva cattivi pensieri alle persone e le costringeva a commettere atti peccaminosi. Ha anche cercato di influenzare il comportamento degli Angeli di Dio.

Quando gli umani iniziarono a riprodursi e ad avere figlie, gli Angeli di Dio furono attratti dalla bellezza di queste donne; Accompagnati dall’influenza di Satana, gli Angeli presero forma umana e vennero sulla Terra per diventare padroni delle donne che desideravano.

Frutto dell’unione tra gli Angeli e gli umani, erano bambini di grandi dimensioni e con una forza abnorme. Fu così che sorsero i giganti che sarebbero diventati i famosi eroi di quei tempi.

Se una parte di questi giganti proveniva da un angelo, avrebbero dovuto vivere per l’eternità. Tuttavia, Dio non permise che il suo respiro rimanesse a lungo nel corpo di un mortale; riducendo la durata della vita a 120 anni.

Le aberrazioni che venivano generate erano solo una parte del comportamento inaccettabile degli umani. Il male cresceva sempre di più e abbondava nei pensieri della gente; le perversioni che venivano spesso commesse dovevano essere fermate una volta per tutte.

È allora che Dio si pente di aver creato l’essere umano e decide di farli sparire dalla Terra; anche specie animali come rettili e uccelli ne subirebbero le conseguenze. L’idea di Dio era di provocare la peggiore alluvione, che potrebbe generare l’allagamento dell’intera superficie terrestre.

Ma prima di imporre la sua punizione all’umanità, ebbe pietà dell’unico uomo che avesse mai vissuto secondo la sua volontà, Noè. Il Signore comandò a quest’uomo che aveva lavorato tutta la vita come falegname di costruire un’Arca; realizzato con legno resinoso e ricoperto di catrame, doveva essere resistente all’acqua.

Dio avvertì Noè che avrebbe mandato un diluvio d’acqua, capace di distruggere ogni cosa sul suo cammino. Tuttavia, avrebbe stabilito un’alleanza con lui e la sua famiglia; se fossero entrati nell’arca avrebbero potuto sopravvivere a questa catastrofe, accompagnati dalle specie animali che dovevano portare con sé.

E l’arca

Noè obbedì agli ordini di Dio; Con l’aiuto dei suoi figli, iniziò presto la creazione di questa maestosa nave. Inoltre, ha avvertito gli altri abitanti delle intenzioni del Signore, ma hanno solo deriso e dubitato delle sue parole.

Secondo Genesi 1:7, le dimensioni di questa barca dovrebbero essere di 150 metri di lunghezza, 25 di larghezza e 15 di altezza. Questa arca avrebbe tre piani, in cui sarebbero distribuiti scomparti che fungerebbero da stanze. Infine, nella parte superiore doveva mettere una sovraccoperta con una porta su uno dei suoi lati.

Ci sono voluti 120 anni a Noè per costruire quest’Arca con le sue stesse mani. Al termine, seguì le altre istruzioni di Dio: portare nella barca sette coppie (maschio e femmina) di ciascuna specie animale pura e solo una coppia di quelle specie impure. Inoltre, doveva fare scorta di ogni tipo di cibo e conservarlo in un luogo sicuro sull’Arca.

L’arca di Noè era prima di Gesù?

Sì, la storia di Noè e del diluvio universale è collocata cronologicamente nell’anno 2304 aC.

Alluvione universale

L’ora del diluvio universale si avvicinava; Noè decide di entrare nell’Arca con sua moglie, i loro tre figli e le mogli di ciascuno. Solo chi aveva deciso di ascoltare gli avvertimenti del Signore meritava di sopravvivere a quella tragedia.

Fuori dall’Arca, le persone continuavano la loro vita come al solito, non credevano che il diluvio di cui parlava così tanto Noè sarebbe realmente accaduto. Quando le fontane dell’oceano scoppiarono e l’acqua dal cielo cadde con forza, le risate e gli scherni verso Noè cessarono.

Ma quando c’è stato il diluvio universale secondo la Bibbia? In Genesi 1:7, sembra che sette giorni dopo che i preparativi dell’Arca furono completati, le acque del diluvio iniziarono a cadere sulla Terra. Era precisamente il diciassettesimo giorno del secondo mese e Noè aveva allora seicento anni.

Ben presto l’intera superficie della Terra fu ricoperta dall’acqua, spingendo saldamente alberi enormi e rocce pesanti. La gente correva disperatamente verso il terreno più alto che poteva raggiungere, ma non era abbastanza; avrebbero voluto aver sentito le parole di Noè.

Per quaranta giorni e quaranta notti il ​​livello dell’acqua continuò a salire fino a coprire le montagne più alte. Come il Signore aveva avvertito, tutto ciò che era vivo sulla terraferma e poteva respirare, animali ed esseri umani, perì.

Nel frattempo, Noè e la sua famiglia erano in perfette condizioni all’interno dell’Arca, lei galleggiava senza problemi e l’acqua non aveva spazio per entrare; avevano fatto un buon lavoro.

Dopo l’alluvione

La Terra è stata coperta dall’acqua per 150 giorni. Allora Dio fece soffiare un forte vento e il livello dell’acqua cominciò a scendere, la pioggia che cadeva dal cielo cessò e le correnti oceaniche si chiusero.

Potresti chiederti, dov’è l’arca di Noè dopo il diluvio? Il diciassettesimo giorno del settimo mese, l’acqua era diminuita abbastanza da permettere all’Arca di arenarsi sui monti dell’Ararat. Questa riduzione d’acqua continuò gradualmente e già dal primo giorno del decimo mese si potevano osservare le cime delle montagne.

A 40 giorni Noè decide di aprire le finestre dell’Arca e far uscire un corvo; Noè voleva vedere se le acque erano uscite dalla Terra. Tuttavia, questo uccello volò da un luogo all’altro senza trovare un posto dove atterrare, quindi dovette tornare all’Arca.

Noah ha continuato a rilasciare il corvo un altro paio di volte, senza successo. Dopo qualche giorno decide di far uscire un piccione, ma ritorna anche dopo poche ore.

Anche così, Noè non si arrende e decide di inviare ancora una volta la colomba. Con sorpresa di tutti, questa volta l’uccello torna con una foglia di olivo nel becco. Il terzo viaggio di questo uccello è stato più vittorioso, poiché non ritorna dopo essere stato liberato; ha trovato un luogo arido dove atterrare e vivere.

Era passato un anno intero dall’inizio del diluvio; Il ventisettesimo giorno del secondo mese, a 601 anni di Noè, la terra era già completamente asciutta. Fu allora che Dio informò Noè che poteva uscire con la sua famiglia, liberare tutti gli animali e cominciare a ripopolare la Terra.

La prima cosa che fece Noè quando mise piede a terra fu costruire un altare; Qui puoi mostrare la tua gratitudine al Signore. Dio, assistendo a questo atto di devozione, ha affermato che non avrebbe mai più maledetto la Terra a causa delle perversioni degli umani; non avrebbe distrutto ancora una volta gli esseri viventi come aveva fatto allora.

Quante persone sono sopravvissute al diluvio universale?

Noè, sua moglie, i suoi figli e le sue nuore furono gli unici disposti ad entrare nell’Arca, quindi solo otto persone riuscirono a sopravvivere al diluvio universale. Il resto degli esseri umani sulla Terra morì durante il diluvio, proprio come Dio aveva detto a Noè.

La Terra era stata liberata dalle persone cattive che l’avevano corrotta; donne, uomini e bambini sono morti durante l’alluvione. Anche quei giganti che erano nati dall’unione degli Angeli con gli esseri umani.

Cosa sarebbe successo a quegli Angeli che avevano preso forma umana sulla Terra? Quando si è verificato il diluvio non potevano morire come gli altri, non erano esseri umani. Hanno semplicemente lasciato il corpo che avevano creato e sono tornati ad essere angeli. Tuttavia, non apparterrebbero più alla famiglia di Dio, diventerebbero Angeli di Satana o meglio conosciuti come demoni.

La famiglia di Noè

All’età di 500 anni, Noè generò i suoi tre figli: Sem, Cam e Iafet. L’identità di sua moglie non è menzionata in nessuno dei testi sacri, ma alcune teorie o tradizioni assicurano che si trattasse di Emzara Naamá.

Nella preistoria biblica è menzionata solo la nascita di figli maschi, ad eccezione di Naamá, l’unica figlia nata da una persona (Lamech e Sila). E nel caso le teorie fossero vere, questa donna era responsabile di aver messo al mondo i figli di Noè.

Nella storia biblica ci sono molte controversie sul diritto di primogenitura di Sem. Tuttavia, non ci sono prove per dimostrare il contrario. Da parte sua, è noto che questo figlio di Noè due anni dopo il diluvio generò Arfaxad, quando aveva 100 anni.

L’esistenza di Sem ha una grande connotazione storica e religiosa, poiché era il padre di tutti i figli degli ebrei (ebrei). Inoltre, fu responsabile della nascita di Elam, che sarebbe poi diventato il fondatore del Regno degli Elamiti. Alla fine, 502 anni dopo il diluvio, Sem muore.

Riguardo a Iafet, ci sono alcuni autori che lo descrivono come il fratello maggiore; ma tutte le scritture non coincidono con questa teoria, trasformando l’ordine di nascita dei figli di Noè in un’altra controversia.

Quanto ai discendenti di Jafet, questo personaggio è considerato l’antenato delle nazioni europee; secondo i dati forniti dalla Tavola delle Nazioni o meglio note come “Generazioni di Noè”.

Cam, figlio di Noè

Cam ebbe quattro figli, dai quali nacquero i seguenti popoli con gli stessi nomi: Canaan, Mizraim, Cush e Fut (forse Libia). Secondo la Tavola delle Nazioni, i discendenti di Cam erano gli abitanti dell’Africa e di alcune zone dell’Asia.

In uno dei passi della Bibbia viene descritto un evento di grande importanza nella storia di Noè, noto come la maledizione di Cam o la maledizione di Canaan.

Mesi dopo la catastrofica alluvione, Noè si dedicò all’agricoltura e iniziò a coltivare la terra; la vite è stata una delle prime specie che ha piantato. Dopo aver raccolto i primi esemplari di uva e averne estratto il succo, Noè scoprì per caso il vino.

Dopo aver ingerito una certa quantità di questa bevanda, Noè si ubriacò inevitabilmente; ecco la prima ubriachezza registrata nella storia. Incapace di stare in piedi, Noè fu lasciato nudo nel mezzo della sua tenda.

Qualche tempo dopo, il primo ad assistere a questa scena di Noah fu Cam, che approfittò dell’ubriachezza di suo padre per prenderlo in giro. Alcuni esperti talmudici affermano addirittura che Cam potrebbe aver abusato di suo padre o, al contrario, aver copulato con sua madre durante l’incoscienza di Noè.

Sem e Iafet non facevano parte di questa umiliazione; entrambi con gli occhi chiusi, presero una coperta e coprirono la nudità del padre, evitando così il tragico destino che attendeva Cam.

Quando Noè si svegliò e seppe cosa era successo, indignato lanciò una maledizione su Canaan, il quarto figlio di Cam; profetizza che sarebbe stato schiavo di Sem e Iafet. Alcuni traduttori indicano che questa profezia si adempie quando gli israeliti sottomettono gli abitanti di Canaan e culmina infine quando i cananei sopravvissuti servono i discendenti del popolo di Iafet.

Riflessione sulla storia di Noè, messaggio, morale

La storia di Noè è un esempio di fede; Nonostante le circostanze in cui quest’uomo è nato, un mondo pieno di corruzione e violenza, ha saputo trovare la via verso Dio e vivere secondo la sua volontà.

La fede di Noè è dimostrata anche dalla fiducia che aveva riguardo alle promesse di Dio; anche se avesse avuto la prova fisica di ciò che sarebbe accaduto, non ha mai dubitato della sua esistenza. Questo gli ha permesso di mantenere una posizione ferma di fronte all’incredulità degli altri.

La sua determinazione a seguire gli ordini del Signore, mentre gli altri intorno a lui lo etichettavano come pazzo; era l’unica verità il giorno in cui finalmente arrivò il diluvio. Tutte le persone che avevano deciso di peccare rifiutando la parola di Dio erano destinate alla distruzione.

Se anche la fede di Noè fosse stata infranta; Se anche quest’uomo non fosse stato disposto a mantenere un giusto rapporto con il Signore, l’essere umano sarebbe stato completamente sterminato. Sulla base di questo, è che la storia di Noè è stata vista come una nuova opportunità per l’umanità.

Leggi anche: La storia di David ; Cos’è la chiesa? ; Oroscopo egiziano

Esta entrada también está disponible en: Español (Spagnolo) English (Inglese) Deutsch (Tedesco) Français (Francese) Nederlands (Olandese) Italiano Suomi (Finlandese) Svenska (Svedese)