La storia di Abigail nella Bibbia

  • di

La storia di Abigail nella Bibbia. Abigail era un personaggio biblico citato nell’Antico Testamento. Era la moglie di Nabal, un ricco di Maon, nel territorio della tribù di Giuda, presso Carmel. Prima di parlare di chi fosse Abigail e di conoscere la sua storia, dobbiamo considerare un’altra donna che compare con lo stesso nome nel racconto biblico.

È la figlia di Nahas o Jesse e la madre di Amasa (2 Samuele 17:25; 1 Cronache 2: 13-16). Il suggerimento che fosse la figlia di Jesse è il più accettato tra gli studiosi. Pertanto, sarebbe la sorella di David. Il nome Abigail significa probabilmente “mio padre è gioia”, dall’originale ‘avigayil.

Chi era Abigail?

Abigail era una donna di Dio che salvò la sua famiglia. Suo marito era un uomo cattivo, ma Abigail era saggia. Grazie alla sua saggezza, Abigail ottenne il favore del futuro re Davide. Abigail era sposata con un uomo molto ricco di nome Nabal. La sua ricchezza proveniva dalle numerose pecore e capre che possedeva. Ma nonostante fosse ricco, Nabal non era generoso; era cattivo e sciocco. Abigail, invece, era intelligente e bella (1 Samuele 25: 2-3).

La storia di Abigail nella Bibbia, immagine
  • Save
La storia di Abigail nella Bibbia, immagine

La storia di Abigail

La Bibbia descrive la storia di Abigail come una donna bella, dignitosa e equilibrata. Suo marito Nabal era un uomo duro e ignorante. Ha finito per trattare David in modo sgarbato. Rifiutò di fare doni agli uomini di Davide quando tosava le pecore.

Abigail si rese conto che l’atteggiamento di suo marito era un insulto sottilmente mascherato a David. Sapeva che questo atteggiamento metteva in pericolo tutta la sua casa, poiché David era arrabbiato e pianificava una vendetta. Abigail preparò un generoso dono di pane, vino, pecore, grano, uva passa e fichi e lo diede a Davide e ai suoi uomini.

Con grande prudenza e parole di riconciliazione, Abigail ha ribaltato la situazione. Ha controllato la rabbia di David e ha salvato la vita di Nabal. In quel momento, Davide ringraziò Dio per aver mandato Abigail ad incontrarlo, perché con tutta la sua saggezza finì per impedirle di versare sangue inutilmente e commettere ingiustizie (1 Samuele 25:32-35).

Più tardi, Abigail raccontò a Nabal cosa era successo. Poi, terrorizzato, ha avuto un attacco quando si è reso conto di essere scampato alla morte per un pelo. Questo attacco lo lasciò paralizzato come “una pietra” (1 Samuele 25:37). Tuttavia, dopo quasi dieci giorni, “il Signore colpì Nabal” ed egli venne a morire.

Quando seppe della morte di Nabal, Davide ringraziò Dio per avergli impedito di fare il male, e anche per aver messo la malvagità di Nabal sul suo capo (1 Samuele 25:39).

La famiglia di Abigail è in pericolo

A quel tempo, Davide stava scappando da Saul, che era geloso e non voleva che Davide diventasse re dopo di lui. Davide aveva radunato una banda di guerrieri che lo accompagnava ovunque fosse fuggito. Ma per continuare in questa vita, i guerrieri di David avevano bisogno di rifornimenti. Normalmente, bande di guerrieri fanno irruzione in luoghi non protetti per sopravvivere, ma Davide non lo fece con Nabal.

David decise di trattare bene Nabal. Poteva facilmente prendere tutto ciò che voleva da lui, ma invece gli mandò un messaggio educato chiedendo cibo (1 Samuele 25: 6-8). Davide fece appello alla generosità di Nabal e gli chiese di inviare ciò che poteva. Non era chiedere troppo, perché gli uomini di Davide avevano protetto i pastori e il bestiame di Nabal da altri pericoli e non avevano rubato nulla.

Abigail e David

Dopo aver appreso della vedovanza di Abigail, Davide le inviò rapidamente un messaggio chiedendole di diventare sua moglie (1 Samuele 25:39). Abigail accettò la richiesta di Davide e, accompagnata dai suoi cinque servi, gli andò incontro e divenne sua moglie.

Quando Davide fu costretto a fuggire a Gat, la Bibbia riporta che prese con sé Abigail (1 Samuele 27:3). A Ebron, Abigail diede alla luce il secondo figlio di Davide, Kileab. Kileab è anche chiamato Daniele in 1 Cronache 3:11.

Senza dubbio, Abigail era un esempio di pacificatrice, prudente e saggia. Sapeva riconoscere i propositi di Dio per la vita di Davide e, con il suo atteggiamento corretto, il Signore se ne serviva per impedire che si commettesse il male.

Ma Nabal non aveva né generosità né buon senso. Si rifiutò di aiutare Davide e lo insultò ancora di più (1 Samuele 25: 10-11). Quando Davide ricevette la risposta, era così arrabbiato che giurò vendetta su Nabal. Radunò i suoi uomini per uccidere tutti gli uomini della casa di Nabal.

Per saperne di più: Davide e Betsabea; La storia di Salomone

Esta entrada también está disponible en: Español (Spagnolo) English (Inglese) Deutsch (Tedesco) Français (Francese) Nederlands (Olandese) Italiano